Aironi d’autostrada

il

aironeCenerinoPossono vivere gli aironi in autostrada? Direi di sì. Ma non hanno paura delle macchine? Non sono infastiditi dal rumore? E dall0 smog? Rispondo no a tutte queste domande. Perché ne ho le prove.

In A4, l’autostrada che collega Venezia a Milano, subito dopo l’uscita di Brescia Centro, c’è il raccordo con l’A21 che corre verso Piacenza.

Da una decina d’anni, per ragioni di lavoro, quello svincolo lo percorro un paio di volte alla settimana. Nel mezzo, inaccessibile da umani appiedati o con auto, c’è un laghetto con molti alberi. Un’area interdetta perché all’interno dell’autostrada.

Lì da alcuni anni è nata un’imponente garzaia. Decine e decine di aironi, la maggior parte cinerini, se ne stanno appollaiati sugli alberi. Fanno i nidi. Allevano i pulli. Insegnano ai figli l’arte del volo e della pesca. Vivono in una sorta di limbo. Indisturbati.

Si sono abituati al rumore delle migliaia di auto e camion che ogni giorno li circondano. E soprattutto in questo periodo, con gli alberi ancora spogli, sono ben visibili a un passaggio lento lungo il raccordo. E sono davvero bellissimi e incredibili.

garzaia1

L’airone cinerino è un animale impotente. E’ alto quasi un metro, ha il dorso color cenere e il collo biancastro striato di nero; un lungo pennacchio nero parte dietro l’occhio e scende fino sulla nuca in un ciuffo di penne filiformi.

Sul petto ha ciuffi di penne bianche strette e allungate; gli occhi sono gialli, il becco paglierino e le zampe marroncine.

Ha un volo maestoso, con battiti d’ala lenti e profondi, a zampe distese dietro il corpo, testa e collo incassati tra le spalle. Il becco è giallo, robustissimo, adatto a trafiggere in un colpo solo i pesci, gli anfibi, i rettili e i piccoli mammiferi di cui si nutre.

Quando atterra, se avete la fortuna di vederlo da vicino, ha movimenti e sembianze quasi preistoriche.

Ama farsi in nido assieme ai suoi simili.  In grandi colonie che abitano salici o pioppi. La femmina depone 3-5 uova in febbraio-marzo in grandi nidi  che vengono usati per più anni.

In questo periodo, anche se muniti dal permesso della società autostradale, è bene non disturbarli. Stanno allevando la prole e detestano le visite. Pena essere ricoperti di escrementi e di vomito.

 

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...