Laurie Marker e i ghepardi: appuntamento a Verona, MIlano e Roma

il

Non è un caso che sia Verona a ospitare per la seconda volta in pochi anni uno dei tre incontri italiani di Laurie Marker, la zoologa americana che da 25 anni si batte contro l’estinzione dei ghepardi.

Non è un caso perché a pochi chilometri di distanza dal Museo di storia naturale – dove Marker parlerà alle 17 di giovedì 19 febbraio – vivono Teo, Duma e Mookane tre giovani ghepardi. Siamo al Parco Natura Viva di Bussolengo.

Qui giovedì 19 febbraio i tre felini incontreranno Laurie.  Qui, come già Jane Goodall aveva fatto lo scorso ottobre con gli scimpanzè, Laurie Marker entrerà nella zona  che ospita i tre felini, li incontrerà da vicino e comunicherà con loro senza barriere, nel tipico linguaggio che contraddistingue la specie.

“Teo, Duma e Mookane sono i nostri ambasciatori speciali per il tour italiano di una fra i massimi esperti al mondo di questa specie – spiega Cesare Avesani Zaborra, direttore Scientifico del Parco Natura Viva e presidente dell’ Unione Italiana Zoo e Acquari (UIZA) – Purtroppo, le statistiche del declino ci dicono che a questo ritmo perderemo tutti gli esemplari ancora viventi in natura entro vent’ anni. Per questo è vitale svolgere importanti campagne d’ informazione come questa e ribadire che i parchi zoologici come il nostro, rivestono l’ importante compito di conservare la biodiversità che in natura è minacciata proprio dall’ attività dell’ uomo. Allevarli, metterli nelle condizioni di riprodursi e, quando possibile, reintrodurli in natura, è la mission che anima il Parco Natura Viva da quarantasei anni”.

“La donna che sussurra ai ghepardi” è in Europa  in occasione del 25° anniversario del Cheetah Conservation Fund. Oltre a Verona sarà a Milano e a Roma

Con un obiettivo preciso: raccontare al vecchio continente che la distruzione dell’ habitat naturale, il conflitto con l’ uomo e il commercio illegale, hanno ridotto le popolazioni dei ghepardi del 90% in 100 anni, relegandoli a soli 100 esemplari in Asia e a circa 10mila in Africa. Non possiamo voltare altrove lo sguardo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...