Pier Paolo Pasolini, “animale senza nome”

«Dice Saba che ci sono animali che non fanno pena neppure quando vengono mangiati, perché volevano essere mangiati. Forse sono uno di questi animali”. Un «animale senza nome» si sentiva Pier Paolo Pasolini. Ultimo fra gli ultimi. Non “normale”, quindi non umano. Forse proprio per quella sua ossessione metafisica di porre al centro del suo…