Il pony sfortunato e l’insostenibile leggerezza degli agriturismo

il

Fra tutti glli equini, non sono forse gli asini i più sfortunati.

Ai pony va ancora peggio. Qualche giorno fa, al campo delle mie cavalle si è presentato un signore con il cappello da cowboy.

“Buongiorno, lei vende pony?”, mi chiese, guardando la bellezza di Piccola Maggy (a casa mia da quando aveva 3 mesi) e la bontà di sua mamma Stella (recuperata da chi le imponeva una gravidanza all’anno per poi venderne il frutto).

Stella e Piccola Maggy
Stella e Piccola Maggy

“No, non vendo pony”, ho risposto. “E di questi che ne fa?” ha insistito lui? “Sono la mia famiglia”, ho risposto ancora riconoscendo in quell’uomo il proprietario di un agriturismo non lontano da casa mia. E dove avevo visto due cavalli e un piccolo pony bianco.

A quel punto non ho potuto fare a meno di chiedere: “Ma lei non ha già un pony? Dove è finito?”. Silenzio.

PiccolaMaggy a 4 mesi
PiccolaMaggy a 4 mesi

Ho insistito: “Che fine ha fatto il pony grigio che vedevo nel recinto con le caprette?”. Di nuovo silenzio. A quel punto il signore dal cappello di cowboy è salito in macchina e se ne è andato.

Mi sono informata della sorte di quella creatura: era stata tenuta per anni perché fosse il pelouche dei bambini in visita all’agriturismo. Ma non era mai stato curato. Perfino gli zoccoli, mi ha raccontato un vicino, non erano mai stati limati e alla fine quelli delle zampe posteriori toccavano gli anteriori.

A un certo punto il piccolo grigio non ce la faceva più nemmeno a stare in piedi. Un camion è venuto a prenderlo una sera. Destinazione: macello.

Già, ai bambini faceva impressione quella creatura malandata. Fuori uno, dentro un altro. Fino al giorno in cui anche quest’ultimo non ce la farà più.

Dovrebbero imporre un codice etico a chi tiene animali negli agriturismi.

Un commento Aggiungi il tuo

  1. marilenaluna ha detto:

    Sante parole Signora. Le belle famigliole che tanto amano questi luoghi per il cibo genuino(!), gli animali in libertà (sic) mai si informano su come vengono trattati i nostri amici e dopo una visita frettolosa tutti a casa a raccontare quanto sono belli questi posti e quanto sono trattati bene gli animali. Scusate, ma quando sento certe notizie sui maltrattamenti(perchè di questo si tratta) che noi “umani” non vogliamo vedere, divento cattiva perchè non si può sempre far finta di non vedere. La natura ci ha dotati di occhi ma per quanto riguarda gli animali la stragrande maggioranza degli umani è come fosse cieca.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...