Migratori in viaggio

il

Sono questi i giorni del viaggio.

C’è chi parte e c’è chi arriva. Milioni di uccelli, dalle cicogne ai gabbiani, dalle quaglie ai pettirossi, riprendono le vie del cielo per cambiare casa, sorvolare oceani e trascorrere l’inverno in aree più calde.

Gru

Ho visto le quaglie qualche giorno fa in Grecia, lungo la penisola del Mani, che si riposavano sulle alture del Taigeto prima di compiere il balzo finale che le avrebbe portate a trascorrere l’inverno a Creta. E le pernici, ai piedi del tempio di Poseidone, a capo Sounion, aspettare il vento da nord che le avrebbe spinte a sud, lungo l’Egeo.

Giorni faticosi per tutte le specie. Soprattutto sullo stretto di Messina, nel Bresciano, sui monti vicentini dove i bracconieri non abbassano mai le armi. Solo l’anno scorso oltre due milioni di uccelli migratori sono stati abbattuti, illegamente, nel nostro paese. Una vergogna.

E’ bello saper riconoscere i migratori. Magari incontrare una Sterna artica, l’uccello che compie la migrazione più lunga del regno animali. Migra dall?Artico all?Antartico e viceversa e nel corso della sua vita (in media 29 anni) percorre 6 volte la distanza dalla Terra alla Luna per un totale di 2.400.000 km.

sterna artica

L’occasione per saperne di più ci viene offerta dall’edizione 2014 di Eurobirdwatch e dalla Lipu che organizza decine di iniziative su tutto il territorio nazionale.

Quanto a me, me ne andrò a Pellestrina, un’isola vicino al Lido di Venezia, nella riserva di Ca’ Roman, dove i volontari della Lipu mi racconteranno chi sono gli uccellini da 10 grammi di peso che  si fanno andata e ritorno – ogni anno – tra il Nord Europa e l’Africa centrale, superando il Mediterraneo e il Sahara. Mi spiegheranno come fanno a non perdersi. Mi aiuteranno a riconoscere tutti quegli abitatori alati dell’Artico che si nascondono in questo periodo tra i flutti delle coste, italiane, a poche centinaia di metri dalla spiaggia.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...