Nel nome di Astrid: ripensare le relazioni fra viventi, fra uomini e cani, fra specie diverse

il

Sono giorni che penso alla piccola Astrid. Alla sua atroce morte. Al dolore dei genitori e di tutti coloro che le hanno vissuto accanto per pochi anni.

E penso anche a Cloe, il pastore belga che l’ha uccisa e che ora rischia di essere soppressa.

cane nero

Colpevole di essere un cane. Di avere comportamenti da cane.

Sono d’accordo con il gruppo Animalisti del Friuli Venezia Giulia che in questi giorni, assieme ad altre associazioni fra cui la Lav,  si stanno mobilitando per salvare Cloe e per far capire quale sia il significato di vivere con un cane. Quali le nostre colpe, le responsabilità, gli errori, sia pur in buona fede.

“Innanzi a una simile tragedia”. scrive Alessandra Cusinato, “che purtroppo non risparmia nessuno, ci auguriamo che non si scelga di punire chi colpe non ne ha: Cloe. Non abbiamo bisogno di giustizie sommarie per placare le nostre responsabilità. Urge ripensare le relazioni tra i viventi. Vorremmo non sentire più parlare di “addestramento”, “comandi” e “obbedienza”, ma di ascolto, scambio, spazi vitali rispettati, riscoperta dell’altro.
Non esistono “cani da compagnia”, “cani da difesa e attacco”, “cani da…”, esistono individui unici che vanno rispettati e ascoltati.
Cloe non è un cane assassino, è un individuo a cui si è chiesto – anche se in buona fede – troppo”.

Parole giustissime Alessandra.

Posso solo aggiungere la mia personale esperienza.

Ho sempre vissuto con cani. Soprattutto boxer, cani dolcissimi e grandi amanti dei bambini e di qualsiasi umani under 20.

Emma era una boxer straordinaria come tutti gli altri. Era nata a casa mia, quindi in un ambiente protetto e pieno di attenzioni e amore. Ed è rimasta a casa mia.

Era dolcissima, ma è stato subito chiaro che non amava i bambini sotto il metro di altezza. Li guardava con diffidenza e preferiva non starci vicino. Non voleva farsi toccare da loro. Li guardava in modo strano.

Qualcosa doveva essere successo mentre era piccolissima. Forse un piccolo amico di mio figlio le aveva tirato un’orecchia, schiacciato una zampetta, forse le aveva fatto prendere paura. Chissà mai cosa era successo.

Ma era chiaro che quel metro di altezza di bimbo le faceva venire alla mente qualcosa di poco piacevole.

Così, ogni volta che venivano a trovarmi nipotini o figli di amici, li pregavo di non avvicinarsi a Emma. Di abbracciare Vittorio o Kora, ma di lasciare stare lei, tranquilla nella sua cuccia (non una gabbia, solo una cuccia).

E stavo comunque attenta che quella mia richiesta fosse ascoltata.

Emma è morta due anni fa a 12 anni. E nella sua lunga vita non ha mai fatto male a nessuno.

Bisogna guardarli negli occhi i nostri compagni di specie. Bisogna ascoltarli perché ci raccontano sempre di sé. Delle loro paure e dei loro timori.

Non sono soprammobili. Come dice Alessandra, sono individui uno diverso dall’altro, con sensibilità (e spesso storie) diverse.

Se non impareremo questo altri drammi, come quello di Astrid, arriveranno.

Un commento Aggiungi il tuo

  1. paulinawar ha detto:

    Sante parole, condivido pienamente.
    Molte persone hanno un cane, ma non tutte riescono a capire veramente ciò di cui ha bisogno e non hanno quel feeling che serve a capirsi solo con uno sguardo.
    Chi ha un cane o gatto spesso non lo ama davvero, ma solo con il vero amore si può entrare nella testa del proprio compagno a 4 zampe.
    Non penso affatto che Cloe sia una cane cattivo, ma sicuramente un cane non capito.
    E non credo sia fatta giustizia uccidendolo. La povera bambina non c’è più ed è tristissimo, atroce, ma non credo che la colpa sia del cane ma dei padroni del cane, perchè gli animali non hanno istinti crudeli come noi esseri umani, chissà cosa è scattato nella sua testa, ma sono sicura che in un altro ambiente e altri padroni non farà mai più del male a nessuno.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...