Io sto con gli scoiattoli, grigi o rossi non importa

il

scoiattolo-grigioProprio così, io sto con gli scoiattoli. Quale colore abbia il loro mantello non mi importa. Da quale paese vengano neppure.

Se la pensate come me, andate in cerca di un banchetto della Lav che per tutto settembre è impegnata a raccogliere firme per chiedere ai Governatori di Liguria, Lombardia, Piemonte e Umbria l’annullamento del progetto “Ec-square” che prevede l’eradicazione totale dello scoiattolo grigio presente in queste regioni.

Se perlomeno in Liguria le bestioline vengono solo sterilizzate, nelle restanti regioni gli scoiattoli grigi vengono sterminati tramite anidride carbonica.

Secondo il progetto “Ec-Square” gli scoiattoli grigi, di origine americana, minaccerebbero gli scoiattoli rossi (locali)  in quanto più robusti e quindi in competizione vittoriosa per il cibo e poi perché sarebbero portatori sani di un virus letale per gli scoiattoli rossi. Gli scoiattoli grigi sarebbero anche colpevoli di danneggiare  boschi e coltivazioni e lo sterminio sarebbe necessario per rispettare le indicazioni della Convenzione di Berna e quindi evitare pesanti sanzioni da parte dell’Unione Europea.

scoiattolo-rossoMa la LAV precisa che:

· il 22 maggio 2013 il Ministero dell’Ambiente ha presentato ufficialmente la “lista rossa” degli animali considerati a rischio di estinzione in Italia e lo scoiattolo rosso non vi figura affatto!

· Lo scoiattolo rosso non è a rischio di estinzione ma semplicemente in calo, sia in Europa che in Asia, dove però lo scoiattolo americano è assente: la causa principale della diminuzione degli scoiattoli rossi è infatti la distruzione del loro habitat da parte dell’uomo.

· Il virus non è mai stato osservato in Italia, inoltre una recente ricerca effettuata da zoologi londinesi ha dimostrato come gli scoiattoli rossi stiano cominciando a mostrare segni di immunità esattamente come gli scoiattoli grigi.

· Eventuali violazioni della Convenzione di Berna non comportano alcuna procedura sanzionatoria da parte dell’Unione Europea;

· in Gran Bretagna, tra Ottocento e Novecento, fu lo scoiattolo rosso ad essere accusato di danneggiare boschi e coltivazioni e fu oggetto di uccisioni di massa.

Oggi i suoi numeri sono molto ridotti e la vittima di turno è lo scoiattolo grigio.

Mi chiedo se, come avviene per le nutrie, le volpi, le gazze e molti altri animali “scomodi”, abbiamo forse bisogno di un essere su cui catalizzare le nostre mancanze ed errori.

Dimenticandoci che in queste creature batte un cuore. Che hanno emozioni come noi. Che soffrono come noi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...