Circo: gli animali del Martin Show verso una nuova vita

il

Corpo Forestale dello Stato e LAV hanno iniziato il trasferimento degli animali del circo Martin Show, posti sotto sequestro preventivo dalla Procura della Repubblica di Tempio Pausania, Olbia. Il sequestro è stato confermato dal Tribunale del Riesame.

Una leonessa, tre bovini di razza Highlander, un lama peruviano, un cammello, un pappagallo Ara, due dromedari, una zebra e uno zebrallo (incrocio tra una zebra e un cavallo) sono stati prelevati presso il Circo Martin Show, che aveva piantato le tende a Tortolì (Ogliastra) e presso il Circo Krones,  a Sassari dove erano stati spostati  alcuni degli animali ora sotto sequestro.

La leonessa Elsa
La leonessa Elsa

Nelle prossime ore gli animali saranno imbarcati e trasportati verso strutture in grado di garantire loro spazi adeguati e tutte le cure necessarie. Sono stati presi in consegna anche un pony e sette cavalli.

La LAV, custode giudiziario degli animali, farà fronte a questa operazione impegnando fondi per migliaia di euro, grazie ai contributi dei propri soci e sostenitori.

Si tratta della più grande operazione di salvataggio di animali da un circo e l’intervento della Lav è fondamentale per assicurare loro una vita dignitosa.

Per qualsiasi animale “vivere” in un circo significa essere sottoposto a esercizi innaturali durante gli spettacoli e prima, costretti ad addestramenti basati su violenza fisica e psicologica.

cammello

Fuori dalla pista, poi, trascorrono il resto del tempo in pochi metri quadrati, in ambienti non accoglienti e spesso esposti agli agenti atmosferici. Gli spostamenti costituiscono per loro un ulteriore stress.

Alle attività di trasferimento ha partecipato anche l’associazione britannica Born Free Foundation, che ha adottato la leonessa Elsa per celebrare il trentesimo anniversario della propria fondazione nata su ispirazione del film Nata libera la cui leonessa protagonista aveva lo stesso nome.

Born Free Foundation, in caso di confisca al termine del procedimento penale, garantirà la sistemazione definitiva di Elsa presso il proprio santuario per grandi felini in Sudafrica.

L'appello per Elsa

Questa è la prima volta in Italia che la magistratura dispone il sequestro di tutti gli animali di un circo. Ma il Martin Show è solo uno dei casi in cui un circo è oggetto di procedimenti penali.

Sono infatti nove i procedimenti penali attualmente in corso in Italia a carico di circhi, con ipotesi di reato che vanno dal maltrattamento di animali alla detenzione incompatibile con le caratteriste etologiche degli animali.

Sei le sentenze a carico di circhi già passate in giudicato, in altrettanti procedimenti penali che vedevano i titolari imputati dei reati di detenzione incompatibile con le caratteriste etologiche degli animali, e produttive di sofferenza, e di maltrattamento animali.

Elsa

lav“Tutte queste sentenze attestano che gli animali nei circhi non stanno affatto bene e che ogni forma di cattività può produrre loro solo sofferenze –dicono gli esperti della LAV – ma confermano anche l’urgenza di un cambiamento orientato alla fine dello sfruttamento degli animali per le esibizioni e una conversione degli spettacoli che esalti il valore degli artisti umani”.

Il problema della carenza di centri di recupero specializzati in animali selvatici è tra le criticità più urgenti che il nostro Paese deve risolvere, perché rischia di ostacolare le forze di Polizia nell’applicazione della normativa vigente, penalizzando gli animali, spesso affidati ai medesimi autori del reato, e la giustizia.

La LAV rivolge infine un appello affinché le proposte di legge C.454, C.1480 e C.1702 per vietare l’uso degli animali e sostenere il circo contemporaneo, vengano esaminate al più presto dalle Commissioni della Camera dei Deputati.

Si stima che gli animali impiegati nei circhi italiani siano circa 2mila.

Ci sono  400 equidi (per la maggioranza cavalli, ma anche pony e asini e circa 50 zebre), 80 bovidi vari, tra cui una decina di bisonti, 140 tra cammelli e dromedari, 60 lama,9 giraffe, 6 rinoceronti,20 ippopotami,50 elefanti, 160 tigri, 60 tra leoni ed altri felini, 40 tra struzzi, emù, etc, 350 volatili (di cui la maggioranza pappagalli, ma anche rapaci, notturni, avvoltoi), 70/80 mammiferi di vario genere, tra cui animali tipicamente da fattoria, 100 cani, 20 mammiferi marini 60 pinguini, 400 rettili, tra cui 250 serpenti (prevalentemente pitoni, boa e anaconda) e 50 tra coccodrilli e alligatori, 200 pesci, per la maggior parte piranha.

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. paulinawar ha detto:

    Giustizia fatta grazie a chi lotta per queste creature meravigliose. La foto di Elsa, con il muso triste, poggiato sulle sbarre della gabbia mi ha commossa… un animale così maestoso e forte, reso prigioniero e alieno dalla sua vera natura, da esseri che si definiscono evoluti e superiori.
    Buona fortuna e buona nuova vita a queste anime, vi voglio bene!!!!

    "Mi piace"

  2. zoelagatta-d ha detto:

    Sì, anche a me Elsa ha commosso alle lacrime. Speriamo ora che possa trascorrere i suoi prossimi anni in Africa.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...