MIlano, la volpe nei Navigli

il

La volpe salvataEra quasi mezzanotte, ieri sera, quando Davide, durante il consueto giro serale con i suoi due cani, passeggiando lungo le sponde del Naviglio a Gaggiano, si è accorto che un animale stava nuotando visibilmente affaticato nelle acque del canale.

A prima vista ha pensato fosse una nutria, ma viste le dimensioni ha poi capito che si trattava di altro.

Non senza stupore si è accorto che a nuotare e a rischiare di annegare era una volpe.

Una volpacchiotta in evidente difficoltà. Nuotava, nuotava ma non riusciva a tornare all’asciutto per colpa degli argini perpendicolari all’acqua. La povera volpe era ormai stremata dal freddo e dalla forza della corrente.

A raccontare a Geapress questa avventura è stato  Ermanno Giudici, presidente dell’ENPA di Milano,(nonché autore di un imperdibile blog: Il patto tradito) presso la cui clinica si trova ora il piccolo animale.

Davide, senza esitare un attimo, dopo aver riportato a casa i suoi due cani, è subito tornato sul posto e dopo numerosi tentativi è riuscito a calarsi nel Naviglio e con l’aiuto di una scopa ha avvicinato a sé l’animale e lo ha tratto in salvo prendendolo per la collottola.

“E’ stato un gesto molto istintivo quello di cercare di salvarla senza esitare neanche un secondo” ha dichiarato Davide “ho visto che la volpe era veramente stanca e non ho avuto paura che mi mordesse. Sembrava quasi che facesse di tutto per attirare la mia attenzione.

In effetti sembrava quasi avesse capito che io era la sua unica e ultima possibilità di salvezza e in quel momento si è lasciata prendere senza reagire. Quando l’ho portata a casa, insieme a mia madre con l’aiuto di alcune coperte l’abbiamo asciugata e riscaldata e la volpe, mentre era sul divano, mi si è avvicinata, sembrava quasi cercare il contatto e il mio calore”.

Gli operatori di ENPA di Milano, arrivati sul posto, hanno prelevato l’animale e lo hanno trasferito presso la clinica ENPA dove è stato subito visitato dai veterinari.

La volpe ha ricevuto tutte le cure del caso e ha trascorso una nottata relativamente tranquilla.

Questa mattina la volpe è stata trasferita al Centro di recupero animali selvatici di Vanzago: dopo un breve periodo di permanenza necessario per riacquistare le forze, verrà liberata.

“Casi come questi, dove le persone non esitano a correre qualche rischio pur di aiutare un animale, sono episodi davvero fantastici che ci fanno capire quanta attenzione ci sia verso gli animali, ma anche quante siano le persone sensibili di fronte alla sofferenza” racconta Ermanno Giudici, presidente di ENPA Milano.

“Con questa perfetta sinergia operativa la volpe ha vissuto una brutta avventura, con un esito positivo grazie all’intervento di Davide, che io e sicuramente la volpe ringraziamo per il suo coraggio”.

Ma che ci faceva una volpe nei Navigli? A pochi chilometri dal Duomo di Milano? Ormai le volpi sono quasi di casa nelle città di mezza Europa. 

Nel 2011 un maschio di volpe, chiamato Romeo, venne trovato al 72° piano dello Shard, il più alto grattacielo di Londra, città che da anni sta imparando a convivere con questi animali.

Ma non tutti la pensano così. E nella capitale britannica sono nate (purtroppo) agenzie specializzate per catturarle.

Guardate questo documentario della BBC.

Dopo aver ascoltato alcuni degli intervistati, sono ancora più convinta di una cosa: la maggior parte di noi ama sì la natura. Ma senza i suoi abitanti.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...