Bruno, l’orso che avrebbe voluto vivere libero

il

C’è uno zoo dimenticato nel Parco di Cavriglia, in provincia di Arezzo. Da troppi anni, per alcuni anche trenta, in questo luogo sono letteralmente detenute  diverse specie di animali, tra i quali un orso siberiano di nome Bruno, donato nel 1977 dalla ex URSS, al quale sono stati aggiunti nel tempo un bisonte americano, 17 macachi, capre, uno struzzo e altri animali.

La storia inizia con uno zoo progettato con i concetti degli anni Settanta: spazi angusti senza arricchimenti ambientali e nessuna considerazione per le esigenze degli animali che venivano solo alimentati e relegati al ruolo di attrazione.

La svolta avviene solo nel 2014 quando grazie a un attivista, la responsabile di LEAL sezione Arezzo Bruna Monami viene a conoscenza di questa situazione e interviene immediatamente.

ORSO Bruno
ORSO Bruno

Si confronta con il Comune di Cavriglia e anche il Sindaco si rende conto che lo zoo è un retaggio del passato e si sono dimostra disponibile a collaborare.

Ora la missione di chiudere lo zoo sta per arrivare a una felice conclusione grazie all’impegno e alla passione di Bruna Monami, coadiuvata da volontari e attivisti e uno staff di veterinari ed esperti che lavorano per restituire vita e dignità agli animali compresi i macachi: Artù, Mammolo, Pisolo, Cocis, Blitz. 17 in tutto, detenuti in una pietraia recintata all’interno del Parco.

Il bisonte Arturo
Il bisonte Arturo

“Un giorno, lo scorso anno – racconta Bruna Monami – monitorando le scimmie, ho visto i piccoli attaccati alla recinzione della pietraia: cercavano di afferrare con le loro manine delle foglie e dei rami che sbucavano dalla rete. Erano in un parco ma non avevano mai potuto toccare un albero. Mi sono commossa e ho capito che la ragione della mia vita era quella di spostare quei primati dalla loro prigione e regalare loro tutti gli alberi di cui hanno bisogno per giocare, arrampicarsi e nascondersi”.

A Bruno, il vecchio orso intristito e depresso dalla detenzione viene dedicato l’intero progetto che diventa ” Io sto con Bruno” che è anche una campagna di raccolta fondi che serviranno a Bruno ma anche a tutti i suoi compagni di sventura .

macachi Cocis
macachi Cocis

Nel frattempo, oggi, visto che Bruno è troppo anziano per essere trasferito, i volontari hanno ampliato la sua gabbia e creato per lui stimoli olfattivi e arricchimenti ambientali.

“La nostra associazione – spiega Gianmarco Prampolini presidente LEAL – è attiva da sempre per la chiusura di tutti gli zoo e quindi affronta con impegno la sfida di questa complessa operazione. Il trasferimento degli animali richiede operazioni lunghe e costose soprattutto per le scimmie che necessitano la competenza e la partecipazione di un team di veterinari e zoologi altamente qualificati”.

struzzo garibaldi
Lo struzzo Garibaldi

 

Un commento Aggiungi il tuo

  1. marilena2946 ha detto:

    Ecco questo, anche per me, è un segnale di speranza. Grazie

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...