Animali, rifugi e libertà: un libro per raccontarli

il

copertinaDopo l’anteprima nazionale al Book Pride di Milano il 3 aprile scorso, stiamo aspettando tutti l’uscita in libreria (a giugno) di “SALVI! Animali, rifugi e libertà” – voluto da una piccola e coraggiosa casa editrice di Pordenone, la Safarà Editore –  curato da Valentina Sonzogni (storica dell’arte e dell’architettura, anima della rivista di studi animali «Animot. L’altra filosofia» e presidente dell’associazione Gallinae in Fabula Onlus), e con postfazione del filosofo Leonardo Caffo.

“SALVI! Storie di rifugi, animali e libertà” è un saggio fotografico costruito su 11 interviste, la prima opera dedicata a indagare da vicino, con la forza delle immagini e delle parole dei loro fondatori, la realtà dei rifugi e dei santuari animali italiani.

Gli animali non umani liberati da qualsiasi tipo di industria – che sia alimentare, del divertimento o dell’abbigliamento – sono individui che con molte probabilità non saranno in grado di reinserirsi, o essere reinseriti, in natura. L’esigenza, quindi, di creare un rifugio in cui venisse loro offerta una reale possibilità di esistenza ha fatto sì che sorgessero numerosi luoghi in cui questo ideale è divenuto concreta realtà.

Ma cos’è un rifugio per animali? Dove si trova e come funziona? Chi ci lavora e chi ci vive?

Il libro esplora l’inedito mondo dei rifugi e santuari animali presenti nel territorio italiano (peraltro sempre più numerosi): luoghi in cui è possibile sperimentare l’empatia che lega ogni essere vivente, i santuari animali si svelano qui nella passione che anima i loro fondatori e nella pratica quotidiana volta a costruire un futuro di cura, libertà e condivisione  per tutte le specie viventi.

“Salvi!” racconta il Centro Regionale Recupero Fauna Selvatica di Ficuzza (Palermo), Ippoasi – Fattoria della Pace (Pisa), Porcikomodi (Milano), The greenplace (Viterbo), La collina dei cavalli (Reggio Emilia), Il Parco di Cavriglia (Arezzo), il rifugio di Torreano (Udine), il Parco dell’Abatino (Rieti), la Rete dei Santuari di Animali Liberi, il Progetto Quasi (Roma).

E conclude il viaggio  con un’intervista a James Myers, fondatore di Animal Aid Unlimited, santuario animale di Udaipur, India, e con una proposta di legge sulla gestione degli animali da reddito a cura di Roberto Bennati, vicepresidente di LAV.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...