A tutto veg: una settimana per scoprire che il rispetto è anche gustoso

il

C’è una pubblicità che in questi giorni gira per televisione. Una pubblicità che mi fa rabbia.

Protagonista è un noto galletto. Che vive in meravigliosi prati verdi. Che è felice. Che tutti dovrebbero invidiare per la vita che fa. Un galletto che mai si vede con tutte le sue piume e la giusta baldanza.
L’unica sua immagine, a fine spot, è quella di quanto è rimasto di lui. Dopo essere stato ucciso giovanissimo, essere stato spiumato, preparato e arrostito.

Ecco, guardando questo spot mi sono resa conto che fino a quando coloro che ancora si cibano di animali non metteranno insieme quella coscia di pollo nel piatto a un ex galletto quasi felice….fino a quel momento il dolore animale continuerà a offuscare e lacerare le nostre coscienze.

Essere animalisti significa al tempo stesso essere vegetariani o vegani. Per rispetto per la vita di ogni creatura con cui condividiamo questo pianeta.

Per chi ha ancora qualche dubbio aderisca da oggi a domenica 28 maggio all’iniziativa dell’associazione Essere Animali:  la ‘Settimana Veg’, per promuovere un’alimentazione vegetale e scoprire quanto possa essere semplice difendere gli animali e l’ambiente.

settimana-veg_essereanimali_Fotor

Un  invito a provare per sette giorni un’alimentazione senza cibi di origine animale, attraverso una guida scaricabile on line che contiene i consigli di una nutrizionista e le ricette di diversi chef.

“L’obiettivo è dimostrare che compiere questa scelta è facile, sano e gustoso. Pressioni sociali e attaccamento alle abitudini ci portano a credere che alcuni cambiamenti possano essere difficili. Invece con gli strumenti giusti possiamo scegliere di difendere ogni giorno gli animali e l’ambiente, direttamente a tavola”, sostiene l’associazione.

Per partecipare alla ‘Settimana Veg’ basta scaricare il ricettario con all’interno le informazioni per adattare e modificare la propria alimentazione abituale.

Seguendo queste informazioni si inizia, assieme a migliaia di persone, un percorso di sette giorni motivati dalla nutrizionista Denise Filippin e dalle ricette degli chef Mara Di Noia, Giulia Giunta e Claudio Di Dio. Non si tratta solo di sperimentare nuove pietanze, aderendo all’iniziativa infatti si entra a far parte di una vera e propria comunità virtuale che si scambia esperienze ed opinioni.

L’anno scorso più di 10 mila persone hanno scaricato il ricettario e un sondaggio realizzato su un campione di 600 partecipanti ha evidenziato come molti di questi seguissero solitamente un’alimentazione tradizionale, con consumo di carne e prodotti di origine animale.

Iniziative come la ‘Settimana Veg’  offrono quindi indicazioni alle tante persone che hanno preso consapevolezza dell’impatto e dell’importanza delle proprie scelte alimentari.

“L’allevamento intensivo di animali è considerato il maggiore responsabile dell’emissione di gas serra e dell’inquinamento idrico del pianeta. Inoltre nel mondo viene coltivata una quantità di cereali tale da sfamare 10 miliardi di persone, però questi sono destinati a nutrire gli animali degli allevamenti. Sotto il profilo ambientale e sociale questo modello di produzione del cibo è un fallimento completo.”

“Seguendo un’alimentazione vegetale scegliamo anche di risparmiare le sofferenze agli animali, oggi per lo più allevati in condizioni che non consentono loro di soddisfare fondamentali esigenze etologiche, ma che si rendono necessarie per abbattere i costi ed immettere così sul mercato carne e prodotti di origine animale a un prezzo contenuto”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...