#Grecia, nella mia gamba tutta la ferramenta del paese

il

Quando ho visto Joanna non sapevo cosa fare. Non sapevo come mi sentivo. Ho mosso timidamente la coda in segno di riconoscimento. Ma l’ho mossa piano piano. In fondo non ero così felice di vederla. Mi ricorda momenti dolorosi. Peccato perché Joanna è l’aiuto veterinario più simpatica e buona del mondo.

Ma d’improvviso, odori a parte, vedendola apparire mi sono resa conto che ero di nuovo lì, dal mitico Vlachalopulos, ortopedico veterinario, quello che mi ha messo le mani addosso e ha inserito nel mio posteriore sinistro tutta la ferramenta che aveva in casa.

Gamba bionica
Gamba bionica

D’improvviso ho guardato i miei umani e ho pensato di fuggire.

Non ho fatto a tempo. Prego, entrate, ha detto gentilmente Joanna. Rieccomi qui. Tengo un profilo basso. Non vado a curiosare fra le ossa e gli scheletri canini del dottore. Giro attorno alla mia umana con la schiena curva, quel che mi rimane della coda in mezzo alle gambe, le orecchie afflosciate, gli occhi con tutto il bianco possibile in mostra.

Loro parlano. Sento che dicono che la prima biopsia è negativa. Ora dobbiamo attendere la seconda.

Vanda con l'amico Stefano ad Atene
Vanda con l’amico Stefano ad Atene

Mi prendono di peso. Lo detesto. Mi appoggiano su un tavolo di ferro, freddissimo. Mi distendono su di un fianco. Mentre l’umana mi tiene bassa la testa e mi bacia la punta del naso, l’umano afferra e stringe le zampe anteriori.

Sono immobilizzata. Non piango, ma tremo come una foglia. E’ solo una radiografia Vanda, stai tranquilla. Sì, dai, cerco di stare tranquilla ma chissà che idee hanno questi qui.

Pochi secondi di immobilità assoluta. E la ferramente appare in tutto il suo splendore sullo schermo.

Passeggiata mattutina a Vouliagmeni
Passeggiata mattutina a Vouliagmeni

Mi riprendono. Questa volta mi vogliono a pancia in su. Una scomodità insopportabile. Resisto anche questa volta. E’ incredibile come la fiducia nei miei umani non venga meno neppure davanti a queste torture.

Mi allungano la gamba. La girano un po‘. Immobile. Bacio sul naso. Respiro il profumo della mia umana e cerco sollievo. Un attimo. Torno in me. Seduta.

Hanno finito, dicono. Mi riprendono in braccio  e mi depositano per terra. E’ finita. Io riprendo a scodinzolare. Il biscotto di Joanna, no, non lo voglio. Sono ancora troppo tesa. Me lo porto a casa. Magari me lo mangio in macchina.

Nella pineta del Parco naturale di Schinia, est di Atene
Nella pineta del Parco naturale di Schinia, est di Atene

Prima radiografia, tutto bene per quello che ho avuto dice il vet. Ci rivediamo fra un mese e mezzo per un’altra radiografia.

Nel frattempo: continuo con antidolorifici per 15 giorni, cammino sempre al guinzaglio, no salti, no corse, no giochi con altri cani.

Sarò l’unica in Grecia ad andare piano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...